giornali

Gruppo Alpitour: il passato, il presente e il futuro del turismo italiano

Alpitour, nata a Cuneo da una piccola agenzia di viaggi nel 1947 è il primo gruppo turistico italiano, unico per presidio dell’intera filiera. L’azienda opera infatti in cinque divisioni: tour operating per organizzare le vacanze secondo ogni esigenza del cliente, dal pacchetto “tutto incluso” al viaggio “su misura” (Alpitour, Villaggi Bravo, Karambola, Francorosso, Viaggidea, Press Tours e Swan Tour), aviation (la compagnia aerea Neos con la sua flotta di 9 aeromobili rappresenta oggi il vettore italiano con il miglior servizio per i propri clienti), alberghiero (la società VOI, Vera Ospitalità Italiana gestisce hotel e resort nelle più belle località di vacanza), incoming (Jumbo Tour organizza servizi di incoming a livello internazionale), la distribuzione (Welcome Travel Group e Geo Travel Network gestiscono migliaia di agenzie di viaggio sul territorio nazionale).

L’azienda, da sempre molto attenta alla tecnologia (ha sviluppato 30 anni fa il primo sistema di teleprenotazione “EasyBook” ancora oggi considerato il migliore portale B2B del settore) negli ultimi anni ha realizzato numerosi investimenti legati all'ambito dell’innovazione, terreno su cui si svolgono molte delle sfide contemporanee in ambito turistico, ma non solo. Alpitour si è concentrata soprattutto sulla velocità di reazione nei tempi di risposta sia in ottica B2B che B2C, così come sulla semplificazione dei processi: in questo percorso viene monitorata costantemente la qualità e i commenti dei nostri clienti, trade e consumer, ci confermano di aver apprezzato i cambiamenti. Si inserisce in questa scia dunque l’attenzione verso le start up e i progetti capaci di suggerire approcci e contenuti inconsueti.

Siamo orgogliosi si entrare a far parte del progetto Grow It Up perché crediamo molto nella contaminazione di idee che scaturisce dal confronto tra settori diversi tra loro – commenta Gabriele Burgio, Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo Alpitour”.


Milano, 30 giugno 2016

Scarica il comunicato