Le migliori offerte
vacanze

Le 5 migliori spiagge della Sardegna, tra relax e divertimento

Italia

Tra le numerose mete in cui trascorrere le vacanze, la Sardegna sembra essere un luogo quasi magico, in grado di attrarre ogni anno numerosi viaggiatori. La ricchezza del suo ecosistema, tra anfratti selvaggi e remoti, e luoghi attrezzati e ben equipaggiati la rende un angolo di paradiso, tra i più belli presenti in Italia.

Il viaggio alla scoperta delle spiagge più belle dell'isola parte da qui.

Cala Goloritzè
Il nostro tour tra le migliori spiagge della Sardegna può cominciare dalla splendida Cala Goloritzè, piccola insenatura incastonata nel Golfo di Orosei. È senza dubbio la spiaggia più affascinante dell’Ogliastra e può essere raggiunta via terra o anche via mare. Si dice sia nata da un frana accidentale ed è facilmente riconoscibile per la presenza di un pinnacolo di oltre 100 metri che la sormonta. Per questo Cala Goloritzè è punto di ritrovo per i free climbers che amano fare arrampicata in un luogo incontaminato e per gli appassionati di trekking. La flora è composta dalla classica macchia mediterranea e la sua ricca fauna comprende il falco della regina, specie rara da ammirare. La sabbia bianchissima e l’acqua trasparente e cristallina rendono questa spiaggia un piccolo angolo di paradiso per adulti e bambini.

Spiaggia Rosa
Tra le spiagge più belle della Sardegna non si può non citare Spiaggia Rosa a Budelli, isola dell’Arcipelago della Maddalena. La località deve il suo nome alla sabbia che sembra emanare dei delicati ed affascinanti riflessi rosa corallo, prodotti dai gusci di un microrganismo marino. Oggi ai turisti non è permesso passeggiare sul litorale ma lo si può ammirare da lontano dalla passerella della spiaggia del Cavaliere con l’aiuto di una guida locale. La Spiaggia Rosa ed il suo mito è stato reso immortale anche da Michelangelo Antonioni che nel 1964 ha girato alcune parti del film Deserto Rosso su questo tratto di costa.

Cala Coticcio
Battigia di sabbia bianca e sottile, acque dal turchese al verde, scogli che sembrano scolpiti dal vento: un luogo incantato dove piante e alberi della macchia mediterranea crescono a ridosso del mare creando un'atmosfera tranquilla e raccolta, dove riposarsi e ricaricare le pile. Il tramonto ravviva le sfumature rosa delle rocce e il senso di pace che si respira ha contribuito a definirla una piccola Thaiti. L’area può essere raggiunta via mare con un imbarcazione o via terra attraverso un percorso trekking mediamente ripido che ricompenserà il turista con una vista mozzafiato. La fauna marina si compone di pesci coloratissimi e stelle marine ed è l’ideale per chi ama fare snorkeling. A poca distanza da Cala Coticcio poi si può anche visitare la casa di Garibaldi, il quale passò proprio qui gli ultimi anni della sua vita.

Tuerredda
Altrettanto suggestiva è la spiaggia di Tuerredda, piccola cala compresa tra Capo Spartivento e Capo Malfatano, sulla costa meridionale della Sardegna. Proprio di fronte c’è poi un minuscolo isolotto con una piccola torre da cui proviene il nome della spiaggia, tuerredda appunto. Questo è il posto perfetto per chi ama fare lunghe nuotate in tranquillità ed anche l’acqua è sempre molto calda, grazie a temperature mediamente elevate. Insomma è la scelta più indicata per le famiglie con bambini, in quanto le acque non sono molto profonde e garantiscono una balneazione sicura e senza pericoli. La flora invece offre delle bellissime aree verdi di macchia mediterranea con rosmarino, ginepro e mirto ed in alcuni periodi dell’anno si possono anche avvistare in lontananza gruppi di delfini.

Cala Domestica
Cala Domestica è un’insenatura che si trova sulla costa sud-occidentale della Sardegna, a circa 90 km da Cagliari. La spiaggia è facilmente raggiungibile con l’auto ed è anche fornita di un comodo parcheggio e di un vicino camping. Si compone di soffice e sottile sabbia bianca, arricchita da arbusti e cespugli profumati. Cala Domestica è poi circondata da un piccolo promontorio di arenaria dalla cui cima si può godere di un meraviglioso panorama e sul quale è situata un’antica torre aragonese risalente al XVI secolo. L’acqua turchese è assolutamente trasparente ed è possibile nuotare per parecchi metri prima di non toccare più il fondale. A poca distanza poi, c’è la cosiddetta Caletta, un tratto di spiaggia più riparato e meno affollato di turisti.

Prenota online la tua vacanza in Sardegna