Le guide di Alpitour
Natale e capodanno al mare

Vacanze di Natale e Capodanno a Santo Domingo: tra spiagge e cultura

Vacanze di Natale e Capodanno a Santo Domingo: tra spiagge e cultura

A Santo Domingo, come del resto in tutta la Repubblica Dominicana, lo chiamano Año Nuevo. Il Capodanno qui è una festa molto sentita. E se state cercando la meta dove trascorrere le vacanze di Natale e Capodanno al caldo, allora questa è la destinazione che fa per voi: non vi resta che scegliere un pacchetto viaggio e seguire le indicazioni di questa guida.

5 cose da non perdere

  1. Boca Chica
  2. L'Alcazar (la casa museo di Diego Colombo)
  3. Punta Cana
  4. El Conde
  5. Catedral Primada de América

Spiagge più belle

Santo Domingo è un luogo di storia e di cultura che si affaccia sul Mar dei Caraibi. Mar dei Caraibi, nell'immaginario di ogni viaggiatore, significa lunghe distese di sabbia bianca e mare incantevole. Proprio come la spiaggia di Boca Chica. Il suo litorale è molto lungo ed è ricco di bar e ristoranti. È la spiaggia preferita dai dominicani ed è sempre molto viva.

Se invece preferite le spiagge più tranquille, dovete spostarvi un po'. La parte di costa più propriamente caraibica si trova partendo da Juan Dolio, a est di Santo Domingo, e procedendo verso Punta Cana. Avete presente le palme, la sabbia talmente bianca da restare abbagliati, il mare così turchese da farvi quasi commuovere? Le spiagge di questo tipo si trovano proprio nel tratto di costa compreso tra Juan Dolio e Punta Cana. Quand'è stata l'ultima volta che avete trascorso Natale e Capodanno così?

Luoghi di interesse

La capitale della Repubblica Dominicana, secondo molti, è la città coloniale per eccellenza. Alcuni edifici sono degli autentici capolavori di stile coloniale e sono stati dichiarati Patrimonio dell'umanità dall'Unesco. Non a caso, Santo Domingo si contende con L'Avana (Cuba) e San Juan (Porto Rico) la palma di città coloniale più bella del mondo.

A Santo Domingo è possibile trovare un omaggio al figlio di uno dei più grandi navigatori di tutti i tempi: è l'Alcazar, la casa museo di Diego Colombo, figlio del più famoso Cristoforo, tappa immancabile di qualunque vacanza a Santo Domingo. La tappa successiva è una passeggiata lungo el Conde, la principale strada pedonale della capitale. Passeggiando arriverete alla Catedral Primada de América: è la cattedrale più antica di tutte le Americhe e la prima pietra fu posata da Diego Colombo.

Attività e svago

Si è già detto della spiaggia di Boca Chica. Bella sia in superficie che in profondità. Poco al largo, infatti, sorge una colorata e viva barriera corallina, consigliata (e caldamente) per tutti gli appassionati di snorkeling e di immersioni: maschera e boccaglio devono essere sempre in valigia prima di partire per le vacanze invernali a Santo Domingo.

Ma il vostro principale desiderio è quello di trascorrere Natale e Capodanno dedicati al relax e al caldo. Noleggiate un'auto e guidate da Juan Dolio a Punta Cana: non farete nemmeno un paio di chilometri senza aver visto almeno una spiaggia che vi farà venire subito voglia di scendere, ve lo possiamo assicurare.

Per quanto riguarda le escursioni? Ve ne consigliamo almeno due:

- Isla Saona, una piccola isoletta che viene descritta da molti come il paradiso caraibico per eccellenza, dove fare il bagno in un mare cristallino insieme alle stelle marine giganti

- il Parco nazionale Los Haitises, che si trova lungo la costa settentrionale, tra la baia di San Lorenzo e la baia di Samana.

Lo shopping è uno dei momenti più belli di qualsiasi vacanza. A el Conde, passeggiando tra dominicani e turisti provenienti da tutto il mondo, potrete prendere souvenir e regali nei numerosi negozietti.

Cultura e sapori locali

Santo Domingo è il posto dove potete trovare il meglio della cucina dominicana. E dovete assaggiarla per festeggiare degnamente il Natale e il Capodanno: tra i piatti da gustare ci sono mangú (platani verdi bolliti, schiacciati e serviti con cipolle), la bandera (fagioli stufati, carne bollita e riso bianco), pica pollo (pollo fritto e insaporito con limone, aglio, origano dominicano), asapao di gamberetti (la versione con i gamberetti del popolarissimo risotto locale).