23.04.2020

Nella terra dei Maya

Chichén Itzá, in Messico, è uno dei siti archeologici più belli al mondo: un luogo mistico e affascinante, ricco di misteri da svelare. Camminando fra le sue stradine si può avere un assaggio della grandezza dell’antico popolo dei Maya, ed è tuttora considerato uno dei luoghi storici più belli del mondo. Già il nome è evocativo e ricco di curiosità interessanti: viene dall’unione delle parole chi (bocca) e ch’en (pozzo): quindi significa, letteralmente, “Alla bocca del pozzo degli Itzá”. Gli Itzá erano i “maghi dell’acqua”, e una delle popolazioni che dominavano lo Yucatàn. Il “pozzo” di cui si parla è quello che oggi si definisce Cenote, le grandi pozze naturali da cui si ricavava l’acqua dolce – un elemento indispensabile per la coltivazione e il popolo. I Cenote sono un incredibile spettacolo naturale degno di una visita, e l’incredibile architettura che li circonda li rende ancora più magici. Questi dettagli possono, forse, darvi un assaggio della magnificenza a cui assisterete: la cultura Maya era complessa, sfaccettata, e molto poetica. Visitando questo sito incredibile, nominato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO, avrete modo di ammirarne da vicino i favolosi resti, splendidamente conservati, e fare un incredibile tuffo nel passato.

Una passeggiata nel tempo

Potrete passeggiare fra le sue stradine incredibili, ammirare da vicino i fasti di una cultura ancora oggi molto ammirata e scoprire storie straordinarie: vi sentirete come dei novelli esploratori alla ricerca di un meraviglioso tesoro! A suo tempo, Chichén Itzá è stata una città molto viva, ricca di cultura e scambi commerciali: una piccola capitale, ricca e prospera. Potrete ancora sentire il potere e la bellezza dei Maya racchiusa in ogni pietra delle sue strade, ogni edificio, ogni pittura e incisione. Luoghi come il Tempio dei Guerrieri o la Sala delle Mille Colonne vi lasceranno senza parole per la maestosità e l’attenzione ai dettagli.

La piramide di Kukulkan

L’attrazione più affascinante è, senza dubbio, la piramide di Kukulkan: quella che da lontano sembra una “semplice” piramide imponente e maestosa, forse un po’ squadrata, è in realtà un capolavoro di ingegneria e precisione millimetrica. Soprattutto, non è solo una piramide: è stata un tempio, un luogo sacro e, soprattutto, un calendario. Le sue pareti e gradoni sono divise in stagioni, mesi e giorni; i bassorilievi narrano le gesta degli antichi eroi e riportano le riproduzioni del dio piumato Quetzalcoatl. Durante il solstizio di primavera e d’autunno, dei suggestivi giochi d’ombra sembrano riprodurre proprio le sembianze del dio. Un altro aspetto incredibile di Kukulkan è che, camminandoci sopra, pare si possa sentire il rumore dell’acqua che gocciola; un effetto incredibile dovuto al modo in cui è stata costruita e che richiama proprio a Quetzalcoatl, dio dell’acqua e della fertilità. Un luogo imperdibile, davvero unico al mondo, tutto da scoprire!