21.04.2021

La Sardegna è un arcobaleno di colori ed emozioni, in cui perdersi piacevolmente tra le tante prospettive della sua ampia varietà paesaggistica. Una regione dove trascorrere liete giornate all'insegna del sole e del mare su spiagge di notevole fattura, ma anche una meta dove scoprire arte, tradizioni e tracce di storia. Cagliari, Alghero, l'arcipelago della Maddalena, i murales di Orgosolo, la bellezza selvaggia dell'Ogliastra, le molteplici isole e isolette da perlustrare: la Sardegna offre sorprese a ogni passo, anche dal punto di vista culinario.

La cucina sarda è una cucina antica, piena di storia e cultura, tradizioni e sapori decisi. Una cucina che nasce nelle zone boschive dell’entroterra e quindi della tradizione agro pascolare, che solo più tardi ha conquistato anche le coste e ha ampliato le sue ricette, che oggi richiedono anche i suoi preziosi frutti di mare. Molti dei piatti tradizionali sardi sono nati dalla necessità dei pastori di allontanarsi per periodi lunghi da casa, e di portare con loro cibo che potesse mantenersi sia con il caldo che con il freddo, che fosse nutriente e facile da trasportare. Ecco perché, nelle ricette sarde, c’è una grande varietà di insaccati e formaggi.

Nei piatti tipici della cucina sarda ci sono alcuni ingredienti principali che variano a seconda della regione in cui vi trovate. Tra le pietanze e gli ingredienti più conosciuti e amati della Sardegna ci sono ingredienti squisiti e unici al mondo. C'è, ad esempio, il pane carasau. È chiamato anche "carta di musica". È un pane sottilissimo che cambia nome a seconda di come viene condito. C’è la versione per i matrimoni, quella a forma di gallo per gli ospiti e quella bucata al centro che veniva trasportata con il bastone. Ci sono anche tantissimi formaggi da provare. Famoso, ad esempio, il casu marzu: il formaggio con i vermi. Poi ci sono la fresa, il cagliu caprino, il caciocavallo, il fiore sardo, il pecorino sardo e le ricotte fresche. Fra le varietà di pesce della tradizione bisogna citare le bottarghe di tonno e muggine, il cuore e la ventresca di tonno. Fra le carni rosse, invece, il maiale è al centro delle ricette tradizionali. Il sanguinaccio dolce e quello amaro (sambene dulche e il sambene rassu) o le salsicce aromatizzate sono assolutamente da provare! Anche altri insaccati come prosciutti di cinghiale, frattaglie di capretto e agnello meritano un assaggio. Ma come destreggiarsi in questo mondo di sapori? I piatti tipici sardi ben riassumono il carattere forte e deciso dei suoi abitanti. Ecco alcuni esempi!

La pasta

Come in tutta Italia, anche la cucina sarda presenta le sue forme di pasta uniche e particolari. La pasta ha forme diverse (come i maccarones o le lorighittas). Spesso è ripiena di formaggio e verdure o carne e patate come le culurgiones di semola. E poi ci sono le tipiche impanadas, strisce di pasta all’uovo con ripieni di carne. Da provare assolutamente gli spaghetti con ricci di mare: piatto delizioso e dal gusto intenso per chi ama i frutti di mare, da provare in località come Castelsardo o Santa Teresa di Gallura. Viene preparato con cura un po' in tutta la regione, quindi potrete provarlo ovunque andrete! I Malloreddus, noti in Italia come gnocchetti sardi, si possono gustare con molti tipi di salse. Provate anche quelli alla campidanese, a base di salsiccia e pecorino!

Porcetto arrosto

Tra i piatti tipici della Sardegna, il cosiddetto "porcheddu" merita un posto d'onore. Si tratta di un maialino da latte, di peso non superiore ai 6/8 chili, cotto lentamente e per diverse ore in un letto di foglie di mirto. Delizioso!

Zuppa gallurese

Altra menzione di primo piano per uno dei più amati tra i piatti tipici in Sardegna, di consistenza non liquida come il nome farebbe intendere, composto da brodo di carne, pane raffermo, formaggio di mucca ed erbe aromatiche, più alcune varianti a seconda della zona; il tutto cotto al forno.

Bottarga

Un'ulteriore e assoluta prelibatezza da provare in territorio sardo, uova di muggine essiccate dal sapore molto forte, da mangiare come antipasto tagliate in fettine sottili oppure usate per condire pasta, formaggi o verdura.

Aragosta alla catalana

Specialità tipica di Alghero, basata su pesce fresco pescato in loco. L'aragosta viene bollita e poi servita andando a comporre un'insalata con cipolla e pomodori, anch'essi rigorosamente freschi.

Burrida

Da Alghero si passa alla zona di Cagliari, per un ottimo piatto a base di gattuccio (un piccolo squalo) cotto e poi condito con olio, aceto, noci, aglio e spezie. Il risultato è un coinvolgente mix di sapori agrodolci.

Fregola con frutti di mare e zafferano

I frutti di mare sono protagonisti di tanti piatti tipici della Sardegna, non ultimo questo, a base di fregola (pasta di semola arrotolata in piccolissime palline) servita con brodo allo zafferano, pane tostato, arselle e gamberi.

Insalata di polpo

Per trovare la giusta sensazione di freschezza nelle giornate calde, niente di meglio che un'insalata a base di polpo locale accompagnato da patate bollite e sedano, con condimento di olio, limone, prezzemolo e (se piace) un po' d'aglio.

Seadas

Tra i piatti tipici sardi non vanno trascurati i dolci, ad esempio questa meraviglia preparata con pasta violata, ripieno di pecorino e limone, frittura in padella e abbellimento finale con delizioso miele caldo o in alternativa zucchero.

Casadinas

Altro dolce molto diffuso nella regione, con sfoglia a base di semola e strutto, riempita con ricotta lavorata, uova, zucchero, zafferano e scorza di agrumi e successiva cottura al forno.