20.02.2021

Questa città eccezionale sorge su un promontorio dei monti Nebrodi, in provincia di Messina. Fu fondata dal mitico Dionisio in onore di Tyndaris, re di Sparta. Un luogo dove miti e leggende si fondono, dando vita a una meta strabiliante, che non può mancare nel corso della vostra vacanza in Sicilia.

Dalle sue mura si possono scorgere panorami da mozzare il fiato sull’intero golfo di Patti. La sua bellezza ha ispirato artisti da tutto il mondo. Il compianto Andrea Camilleri ambientò proprio a Tindari un intero romanzo della sua saga de “Il Commissario Montalbano”, e il poeta Salvatore Quasimodo le dedicò una poesia. Ma cosa vedere a Tindari in un giorno? Continuate a leggere per scoprirlo!

Area archeologica di Tindari

La storia di Tindari ha origini antichissime; le sue strade sono state attraversate da più culture, e a ognuna di queste si deve qualche meraviglia architettonica da ammirare. Molti reperti sono divisi fra il museo della città e quello di Palermo, mentre nella struttura archeologica potrete immergervi nella storia più antica di questo paese straordinario. Il suo edificio più famoso, e sicuramente uno dei più amati, è lo splendido teatro greco, costruito dai greci e rimodernato in seguito dai romani per ospitare i gladiatori. È un teatro enorme, che può contenere migliaia di spettatori.

I laghetti di Marinello

Tindari è storia, arte e cultura, sì: ma la sua natura strabiliante merita una visita approfondita. I famosi “laghetti” che sorgono al di sotto del promontorio cambiano di giorno in giorno, a seconda del tempo e del movimento delle onde. Fra le bellezze naturali di questa zona c’è la Grotta di Donna Villa, che molti chiamano anche “Grotta della Maga”. Si chiama così perché, secondo la leggenda, era abitata da una maga che aveva l’abitudine di ammaliare i marinai per attirarli a sé. La grotta è ricca di suggestive stalattiti e stalagmiti, e sulle mura si trovano tanti piccoli buchi che, sempre secondo la leggenda, rappresentano gli sfoghi di rabbia della maga quando qualche marinaio le sfuggiva. Un luogo davvero affascinante, che dovete assolutamente vedere!

Madonna nera di Tindari

Il Santuario della città si trova a strapiombo sul mare, sulla sommità del promontorio. La particolarità di questo luogo stupendo sta tutta nella famosa “Madonna Nera”, una suggestiva statua in legno di cedro raffigurante una Madonna che regge in braccio il bambin Gesù. Una statua splendida, che ancora oggi dona un’aura mistica all’intero edificio. Grazie alla posizione particolare del Santuario, potrete avvicinarvi alle mura e godere di un paesaggio spettacolare, che abbraccia l’intera città e il mare.