30.04.2020

Il Parco Archeologico della Neapolis è uno dei siti archeologici più belli di tutta la Sicilia, e imperdibile per tutti gli amanti della storia! Splendido e molto esteso, vi permetterà di immergervi pian piano nella storia più bella e antica di quest’isola straordinaria. Raccoglie e racconta un passato lungo e particolare che ha visto il passaggio di più civiltà in più età storiche (i primi insediamenti risalgono all’età del Bronzo), e oggi è un vero e proprio museo a cielo aperto tutto da scoprire e ammirare. Fra santuari antichissimi, splendidi teatri e anfiteatri, archi e monumenti, non potrete fare altro che esplorare il tutto a bocca aperta, svelando a ogni passo tesori storici e artistici unici al mondo!

Continuate a leggere per scoprire alcune delle località più belle e amate del parco, e alcune delle leggende e dei miti che lo animano ancora oggi. Pronti a sorprendervi?

Anfiteatro Romano

Prima dell’inevitabile declino della città, questo era una delle strutture più grandi di tutto il paese, e gli studi ne hanno confermato i fasti e le bellezze del passato. Fra lotte di gladiatori e opere teatrali, era uno dei centri di intrattenimento più popolari di tutta l’area urbana. Poco distante potrete ammirare la vallata e un panorama unico!

L'Ara di Ierone II

Un suggestivo e pittoresco altare dedicato a Zeus Eleutherios, costruito per volere del re Ierone II, dove si tenevano i maggiori sacrifici e preghiere per propiziare la città. Una delle mete più belle e amate di tutto il sito, dove respirare un’aura di antica potenza e misticismo. Splendido!

Teatro Greco

Un teatro splendido e maestoso, scavato nella roccia viva e meravigliosamente conservato! È ancora possibile vedere le scalinate quasi intatte e il palco, la zona del coro e gli accessi degli artisti. Questo teatro ha visto più modifiche, costruzioni e ricostruzioni nel corso del tempo. Capita, nei primi mesi estivi, di poter assistere a delle ricostruzioni storiche degli antichi spettacoli: un’occasione davvero imperdibile per sentirvi parte dell’antico pubblico!

Il paesaggio e le grotte 

Salendo lungo la collina è possibile ammirare con un colpo d’occhio tutta la baia di Siracusa, e stupirsi di fronte a uno dei paesaggi più belli di tutto il sito. Le grotte sono state usate in epoca cristiana per le tombe, ma è possibile ammirare anche i pinakes, effigi funebri usate nell’epoca greca. Fra le bellezze più antiche, potrete incappare anche in un mulino di epoca moderna.

Latomie del Paradiso e l’orecchio di Dionisio

In passato è stata una cava dove scavare la roccia, ma oggi è un giardino incantevole dove potrete trovare agrumeti e palme. Poco distante c’è anche quello meglio noto come “l’orecchio di Dionisio”, una cavità la cui forma ricorda un orecchio e che amplifica di molto la voce; proprio per questa particolarità, la leggenda vuole che il tiranno Dionisio avesse l’abitudine di chiudervi dentro i prigionieri per poterli sentire complottare contro di lui anche se avessero sussurrato.