09.11.2021

Un’isola strabiliante e amatissima, fatta di vicoli stretti e grandi spazi; vulcani e colline; mari cristallini e gole di pietra; in altre parole: la Sicilia. Questa terra amatissima è una meta sempre più ambita fra i viaggiatori di tutto il mondo per le sue indescrivibili bellezze naturali e paesaggistiche. Le grandi città moderne si alternano a piccoli borghi di rara bellezza, dove il tempo sembra essersi fermato. I boschi e si sentieri si aprono su spiagge di sabbia bianchissima e acque smeraldine. Ci sono isole, isolotti, terme, scogli, corsi d’acqua e parchi naturali che lasceranno tutti a bocca aperta. La Sicilia è anche un’isola di artisti e sognatori: è la terra di Pirandello e Maria Messina, Quasimodo e ovviamente, Andrea Camilleri. Quest’ultimo, amatissimo autore ha trasformato questa variopinta isola del mediterraneo in una capitale moderna del noir grazie alle avventure di Montalbano, uno dei commissari più famosi al mondo. Le sue accurate descrizioni di una terra feroce e poetica insieme fanno da sfondo a delle avventure appassionanti, ricche di colpi di scena. Se volete scoprire la Sicilia letteraria più moderna, potete dedicare la vostra vacanza in Sicilia ripercorrendo le orme di Montalbano e i luoghi della letteratura di Camilleri. Volete saperne di più? Continuate pure a leggere per scoprire i luoghi prediletti dal vostro commissario preferito, e preparatevi a partire! 

Porto Empedocle

Grazia Deledda è cresciuta a Nuoro, capoluogo dell’isola e ancora oggi una città molto frequentata e amata da chiunque la visiti. Gli amanti della storia ameranno visitare i complessi nuragici più vicini: da quello di Noddule fino al nuraghe di Tanca Manna, vivrete un’avventura spettacolare in alcuni dei luoghi più suggestivi d’Italia. Gli amanti della natura vorranno esplorare i sentieri del Monte Ortobene. Da vedere anche la vicina Chiesa della Madonna della Solitudine: qui, infatti, si trova il sepolcro della stessa Deledda, e potrete rendere omaggio a una delle scrittrici più amate del mondo!  

Agrigento

Poco distante da Porto Empedocle c’è Agrigento, che nei libri di Camilleri prende il nome di Montelusa. Il nome, in realtà, non è stato inventato dall’autore come gli altri; “Montelusa” infatti, era un’invenzione del poeta e scrittore Pirandello, che chiamava così Agrigento in alcune delle sue novelle. Quello di Camilleri, in questo caso, era più un omaggio. Agrigento è spesso stata usata anche come teatro di posa per la serie tv ispirata alle avventure di Montalbano, ed è una meta imperdibile per chiunque visiti la Sicilia!  

Sciacca e le altre

Fra le città siciliane “inventate” da Camilleri ci sono alcune delle mete più amate e ambite di quest’isola straordinaria. La piccola e variopinta città di Sciacca, ad esempio, nei libri è chiamata “Fiacca”. Gela è nota con il nome di “Fela”, mentre “Sampedusa” indica la meravigliosa isola di Lampedusa. Tutti luoghi straordinari, dove potrete rivivere le gesta del vostro eroe e ripercorrere i passi del vostro scrittore preferito!