Baleari
Un paradiso di arcipelago
ALPITOUR & FRANCOROSSO
Baleari: tra mille sfumature di blu

Le Baleari sono un piccolo angolo di paradiso nel Mediterraneo: le acque trasparenti, le spiagge bianche e il clima mite fanno di questo arcipelago una delle mete di vacanza più ambite, grazie anche al loro mix di relax e divertimento, natura lussureggiante e scorci da sogno. Quattro sono le isole da cui è costituito, molto diverse tra loro ma ognuna con le proprie bellezze e particolarità tutte da scoprire. 

Baleari, 3 motivi per visitarle
  • 1
    I colori: l’azzurro del mare, il bianco delle spiagge, il verde delle riserve naturali, il bronzo delle coste frastagliate, l’oro del sole che illumina l’arcipelago 300 giorni l’anno;
  • 2
    I contrasti: i suoni della movida nelle migliori discoteche, miste al rigoroso silenzio della natura incontaminata;
  • 3
    La varietà: dei paesaggi, dei luoghi da esplorare e delle attività da svolgere!
Baleari, una destinazione sicura

Più che mai, le Isole Baleari sono pronte ad offrirti momenti indimenticabili con tutte le garanzie di salute e sicurezza. Attraverso il microsite interattivo TravelSafe disponibile all’interno del sito www.spain.info potrai, in modo semplice, conoscere tutte le misure preventive e i protocolli in vigore in modo che tu possa goderti la vacanza in piena tranquillità. Informazioni utili, mappe interattive e tanti altri consigli prima, durante e dopo il tuo soggiorno alle Baleari.

Maiorca

L’ “Isla del Sol” è la più grande dell’arcipelago e regala spiagge dalla sabbia finissimaacque limpide e cristalline, ma anche un ricco entroterra tutto da scoprire. Particolari sono le numerose grotte naturali che si trovano sull’isola: se ne contano circa 800; inoltre da non perdere, lo spettacolo del Faro di Cap de Formentor, situato su un promontorio roccioso a 200 metri di altezza, nel punto più a nord di tutta l’isola da cui ammirare tramonti davvero unici.

Ibiza

In spagnolo antico significa "divertiti fino allo sfinimento" e certamente è conosciuta per le sue discoteche e i suoi locali notturni, ma l’Isola Bianca nasconde molte affascinanti spiagge lungo il suo bellissimo litorale lungo oltre 150 chilometri. Le calette che si susseguono sono tutte diverse fra loro ed ognuna rappresenta uno spettacolo da ammirare. E, se tra una spiaggia e l’altra si avrà voglia di fare una passeggiata, il posto giusto è il centro storico di Ibiza detto “Dalt Vila”, completamente circondato da antiche mura e considerato Patrimonio Mondiale dell’Umanità.  E la sera immancabile è una sosta a La Marina, quartiere esclusivo, ricco di ristoranti, bar e negozi.

Minorca

Tra tutte le Baleari, è quella che conserva ancora la propria identità e il proprio animo, lontano dal turismo di massa. Ma non solo, i minorchini vivono da sempre a stretto contatto con la natura, al punto che l’isola è stata dichiarata Riserva Mondiale della Biosfera. Proprio per questo motivo, l’ambiente naturale è unico nel suo genere: ospita il Parco naturale dell’Albufera di Es Grau, una riserva marina, cinque riserve naturali e diciannove Aree Naturali di Speciale Interesse. Tra le spiagge più belle dell’isola vi è sicuramente Son Saura, ricca di vegetazione e con un mare color turchese. Son Bou è invece una delle località turistiche più popolari, vanta la spiaggia più lunga dell’isola e alle sue spalle si trova Es Prat de Son Bou, una bellissima laguna delimitata da dune sabbiose e canneti.

Formentera

Conosciuta soprattutto per la sua natura incontaminata e per le sue spiagge, come Playa Ses Illetes, una distesa di sabbia bianchissima che si affaccia su un mare trasparente, o Es Pujols, che conserva il fascino della natura selvaggia e incontaminata grazie alla distesa di affascinanti dune che la circondano, oppure ancora Cala Saona, una particolarissima baia formata da rocce rossastre. Per un rilassante giro in bicicletta, l’isola offre 32 circuiti verdi che attraversano zone agricole e vigneti, dune e pinete, cale e spiagge, e si possono vedere le “finche”, le tipiche case di Formentera. Da non perdere il percorso che attraversa il Parco Naturale di Ses Salines: il periodo migliore per visitarlo è durante la cristallizzazione del sale, quando le pozze di raccolta si tingono di un tenue colore roseo come le piume dei fenicotteri che popolano queste zone.